ConfindustriaSIT descrizione in Inglese
FEDERAZIONE
Chi siamo
La rappresentanza
La governance                
La base associativa                
CNCT                
La struttura                                             
ATTIVITÀ E NOTIZIE
Federazione                                    
Associati                
PER ADERIRE
Puoi aderire a Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici in qualità di socio effettivo o di socio aggregato.

Statuto

Se sei una Associazione di categoria e rappresenti imprese puoi presentare richiesta di adesione come socio effettivo di categoria.

Leggi le modalità di adesione per i soci effettivi di categoria.

Se sei una Sezione Territoriale dei Servizi Innovativi e Tecnologici istituita c/o le Confindustrie provinciali puoi presentare richiesta di adesione come socio effettivo territoriale.

Leggi le modalità di adesione per i soci effettivi territoriali.

Se sei una Associazione o Organizzazione, anche costituita da soggetti diversi dalle imprese, ma operante nell’area di competenza della Federazione puoi presentare richiesta di adesione come socio aggregato.

Leggi le modalità di adesione per i soci aggregati.

Per aderire occorre inviare la domanda di adesione indirizzando la richiesta all'attenzione del Presidente di Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici.

Scarica la domanda di adesione facsimile e la scheda informativa necessaria alla Federazione per perfezionare la Tua domanda di adesione.

Per ulteriori informazioni contatta l'Area Relazioni associative.

SERVIZI CONTATTI
La nostra sede si trova in Via Barberini, 3 a Roma.
I numeri di telefono sono (+39) 06 42020950 - (+39) 06 42016386.
Fax: (+39) 06 92933019
Home >> Studi e documenti
Pubblicato il 09/11/2017




Rapporto Scenari Industriali CSC: l'industria oggi nel mondo

Roma, 8 novembre 2017

L’8 novembre si è tenuto il Seminario del Centro Studi Confindustria in cui è stato presentato il Rapporto annuale di Scenari Industriali dal titolo "Innovazione: gli effetti su lavoro e performance delle imprese. La posizione dell'Italia nelle catene globali del valore".
Dal Rapporto è emerso che Cina e Stati Uniti restano in testa nella classifica dei paesi industrializzati con quote invariate di valore aggiunto mondiale rispettivamente al 29,5% e al 19,0%. Stabile anche la 7ª posizione dell’Italia con una quota costante del 2,3%, il secondo miglior piazzamento europeo dietro alla Germania, al 5° posto.

Dopo un biennio di debolezza, il commercio mondiale è ripartito a buoni ritmi alla fine del 2016: quest’anno è atteso espandersi del 4,1%, nel 2018 del 3,5%. È sostenuto dal nuovo ciclo globale degli investimenti e più in generale dalla risalita del manifatturiero che guida la crescita. In Italia l’export sta registrando una notevole performance: dal 2010 è aumentato, a prezzi costanti, del 3,2% medio annuo, un ritmo sostanzialmente uguale a quello tedesco. La produzione dall’inizio del 2013 al terzo trimestre 2017 è cresciuta del 7,2%, con un incremento quasi doppio rispetto a quello del PIL. Proseguendo al passo attuale, il recupero dei livelli persi durante la crisi avverrebbe nel 2021.

Il recupero dell’industria italiana sta avvenendo nonostante una crescita ancora troppo debole dei prestiti alle imprese, e nonostante la crescita del CLUP, che dal 2007 al 2016 è aumentato di un corposo 15,2%, erodendo ulteriormente la competitività di costo delle imprese italiane rispetto alle tedesche, francesi e spagnole.

L’impatto della tecnologia digitale sulle imprese e sul mondo del lavoro si estenderà rapidamente in modo diffuso e profondo e non sappiamo prevedere quale sarà l’effetto complessivo e a livello globale sull’occupazione. Per migliorare la capacità delle imprese gli investimenti in innovazione tecnologica hanno un ruolo cruciale. 

Rapporto Scenari Industriali

Presentazione Paolazzi

Presentazione De Nardis

Presentazione Fedegari

Presentazione Giunta


 



Tags:  
   

L'Innovazione è leva strategica per la crescita intelligente, sostenibile ed inclusiva.

La specializzazione nei settori ad alta tecnologia è lo strumento per rafforzare la competitivit à dell'industria italiana in Europa.

Per questo, è necessario potenziare gli investimenti nella ricerca ed innovazione, accrescere il coordinamento a livello nazionale ed europeo, proporre un'Agenda Italiana per la Ricerca e l'innovazione, allargare la partecipazione delle imprese italiane, in particolare delle PMI, ai Programmi di Ricerca europei.

Con questi obiettivi Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici e il MIUR hanno avviato le Piattaforme Tecnologiche:

> IPOCH2 - Cultural Heritage

> FoI - Future of Internet

> Spin-IT




© 2013-2017 Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici | Via Barberini, 3 00187 Roma
Tel. (+39) 06 42020950 / (+39) 06 42016386 | Fax (+39) 06 92933019 | Privacy Policy e cookie