ConfindustriaSIT descrizione in Inglese
FEDERAZIONE
Chi siamo
La rappresentanza
La governance                
La base associativa                
CNCT                
La struttura                                             
ATTIVITÀ E NOTIZIE
Federazione                                    
Associati                
PER ADERIRE
Puoi aderire a Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici in qualità di socio effettivo o di socio aggregato.

Statuto

Se sei una Associazione di categoria e rappresenti imprese puoi presentare richiesta di adesione come socio effettivo di categoria.

Leggi le modalità di adesione per i soci effettivi di categoria.

Se sei una Sezione Territoriale dei Servizi Innovativi e Tecnologici istituita c/o le Confindustrie provinciali puoi presentare richiesta di adesione come socio effettivo territoriale.

Leggi le modalità di adesione per i soci effettivi territoriali.

Se sei una Associazione o Organizzazione, anche costituita da soggetti diversi dalle imprese, ma operante nell’area di competenza della Federazione puoi presentare richiesta di adesione come socio aggregato.

Leggi le modalità di adesione per i soci aggregati.

Per aderire occorre inviare la domanda di adesione indirizzando la richiesta all'attenzione del Presidente di Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici.

Scarica la domanda di adesione facsimile e la scheda informativa necessaria alla Federazione per perfezionare la Tua domanda di adesione.

Per ulteriori informazioni contatta l'Area Relazioni associative.

SERVIZI CONTATTI
La nostra sede si trova in Via Barberini, 3 a Roma.
I numeri di telefono sono (+39) 06 42020950 - (+39) 06 42016386.
Fax: (+39) 06 92933019
Home >> Attivitą Associati
Pubblicato il 13/10/2020




Assosoftware "La via della digitalizzazione passa da maggiori investimenti"

12 ottobre 2020

Su Il Sole 24 Ore l’articolo di Roberto Bellini, Direttore Generale di AssoSoftware

Nel dibattito quotidiano sull’utilizzo delle risorse che saranno messe a disposizione del nostro Paese con il recovery fund, una parola d’ordine ricorre regolarmente: digitalizzazione.

Considerando il ritardo da colmare rispetto agli altri Paesi (la Commissione europea nella sua rilevazione periodica del livello di digitalizzazione ci pone 24esimi sui 27 componenti della Ue) la questione di fondo riguarda le priorità e le misure più urgenti che devono essere attuate.

Su questo punto nel passato si sono dovute fare scelte specifiche anche perché i fondi erano limitati e la coperta, come si suol dire, era “corta”. Ora, con i nuovi fondi Ue post Covid, il ragionamento potrebbe essere più ampio e circostanziato, senza tuttavia esagerare nel perdersi in mille rivoli con interventi a pioggia e, quindi, inefficaci.

Partiamo da una considerazione ovvia ma di base.
Ci sono due principali aree sulle quali bisogna concentrarsi:

• la prima sono senza dubbio le infrastrutture fisiche sulle quali viaggiano i dati e quindi parliamo di fibra ottica, 5G, ma anche server, cloud, eccetera;
• la seconda sono i servizi e quindi i software che svolgono le molteplici attività e automazioni necessarie.

Tralasciando tutto ciò che concerne alla sfera del privato cittadino (i.e. l’accesso a internet, l’uso dei servizi pubblici, eccetera) e guardando all’area business e produttiva del Paese, non c’è dubbio che sulle infrastrutture non siamo messi benissimo, abbiamo ancora delle “zone d’ombra”, in alcune aree non c’è ancora la fibra ottica, ma nemmeno siamo il terzo mondo se è vero che il 91% delle imprese italiane (comprese le microimprese) ha una connessione fissa a internet in banda larga (indice Ue 2019); al contrario invece nell’utilizzo dei servizi siamo piuttosto indietro. Infatti, sempre guardando agli indici Ue, solo il 35% delle imprese utilizza un software Erp che automatizza i processi e addirittura solo il 15% un software Crm per dialogare in modo strutturato con i propri clienti. Inoltre, se guardiamo alle imprese più virtuose, solo un 22% fa uso di servizi cloud, che come sappiamo costituiscono un valore aggiunto in termini di continuità ed efficienza (lo sanno bene quelle che durante il lockdown da Covid-19 non hanno potuto lavorare da casa).

In pratica su 5 milioni di imprese, almeno 3 milioni non usa quotidianamente un prodotto software per fare gli ordini, per stampare i Ddt, per comunicare con i clienti, tutte attività che potrebbero essere automatizzate e che, se fatte “a mano”, comportano errori e inutili perdite di tempo.

Nel 2020 non ce lo possiamo più permettere. I dati evidenziati portano quindi alla conclusione che è assolutamente urgente e prioritario investire in servizi e software, qualsiasi software purché utilizzato all'interno delle imprese per migliorare i processi gestionali, per accrescere la propria immagine tramite siti internet o social, per commercializzare prodotti a distanza, per dialogare con la propria rete di clienti e fornitori.

Il programma Industria 4.0 che pur ha avuto il pregio di accendere i riflettori sull'innovazione dei processi industriali e manifatturieri, incentivando soprattutto l'acquisizione di macchinari di nuova generazione, deve essere potenziato, facendolo evolvere in Impresa 4.0, inserendo una nuova linea di azione estesa a tutte le imprese e a tutti i settori e dedicata ai servizi e al software. Solo così potremo dire di aver finalmente imboccato la strada della «digitalizzazione».

 



Tags:  
   

L'Innovazione è leva strategica per la crescita intelligente, sostenibile ed inclusiva.

La specializzazione nei settori ad alta tecnologia è lo strumento per rafforzare la competitivit à dell'industria italiana in Europa.

Per questo, è necessario potenziare gli investimenti nella ricerca ed innovazione, accrescere il coordinamento a livello nazionale ed europeo, proporre un'Agenda Italiana per la Ricerca e l'innovazione, allargare la partecipazione delle imprese italiane, in particolare delle PMI, ai Programmi di Ricerca europei.

Con questi obiettivi Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici e il MIUR hanno avviato le Piattaforme Tecnologiche:

> IPOCH2 - Cultural Heritage

> FoI - Future of Internet

> Spin-IT




© 2013-2020 Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici | Via Barberini, 3 00187 Roma
Tel. (+39) 06 42020950 / (+39) 06 42016386 | Fax (+39) 06 92933019 | Privacy Policy e cookie